La Regione Puglia lancia la web tv 24 ore su 24

by

Nasce la web tv della Regione Puglia. Dal prossimo autunno, collegandosi al sito Internet www. regione. puglia. it sarà possibile accedere ai servizi e alle notizie della televisione istituzionale online. I naviganti del web potranno usufruire di un servizio di informazione attivo 24 ore su 24, che riguarderà l´attività della giunta e degli uffici regionali. Non sarà l´unica novità contenuta nel futuro portale online, a disposizione dei pugliesi a partire dall´autunno. “Il portale non è una forma di autocelebrazione delle Regione – ha spiegato il presidente Nichi Vendola – ma un ulteriore e forte canale con cui parliamo con i nostri cittadini”. Il progetto del nuovo portale interattivo, infatti, prevede anche l´installazione di terminali tecnologici in stazioni, facoltà universitarie, ipermercati, e giardini delle città pugliesi. L´obiettivo è quello di fornire una consultazione in tempo reale delle notizie di pubblica utilità.

 

3 Risposte to “La Regione Puglia lancia la web tv 24 ore su 24”

  1. giuseppe dachille Says:

    Sono il Cav. Geom. Giuseppe Dachille, risiedo a Bari alla Via Isonzo n. 187, tel. 3495344750, e-mail cav.giuseppedachille@libero.it, e scrivo per denunciare la mia disavventura giudiziaria.
    Vogliate prendere in considerazione quanto denuncio e magari fissare un appuntamento per fornire tutta la mia documentazione al riguardo.

    Sono un piccolo imprenditore edile e proprietario di un appezzamento di terra sito in Bari, nella Circoscrizione di Santo Spirito, al lungomare Cristoforo Colombo, indicato al foglio n. 15/A – part. N. 461, nei pressi piazzale antistante il Lido Lucciola, dove da tanti anni sono state edificate una serie di abitazioni, residenziali e non, nell’intero circondario.

    Una quindicina di anni fa presentai regolare progetto per l’edificazione di civile abitazione all’Ufficio Tecnico del Comune di Bari.

    Trascorsi novanta giorni dalla data di presentazione del predetto progetto, a seguito di silenzio rifiuto così come previsto per legge, diedi corso ai lavori procedendo con lo scavo per le fondamenta della costruzione.

    Dopo una ventina di giorni che avevo iniziato i lavori, pervenne il provvedimento, da parte del Comune di Bari, di interrompere i lavori intrapresi poiché privi di autorizzazione con successivo sequestro dell’immobile.

    Avverso tale provvedimento chiesi il dissequestro al Comune di Bari dell’immobile al fine di rientrare in possesso del bene, che fu concesso.

    A distanza di circa di due anni, precisamente il 7.3.1997 e il 10.4.1997, decisi di intraprendere le vie legali con ricorso al Tribunale Amministrativo di Bari al fine di ottenere un provvedimento contro il Comune di Bari affinché provvedesse alla “ritipizzazione” dell’area ove si trova l’immobile, nonostante molti proprietari del vicinato, e non solo, avessero già edificato con regolari licenze di costruzione e/o anche abusivamente, poi successivamente condonati.

    Si fa notare in particolare che il terreno oggetto della controversia si trova in un centro abitato, dotata di tutti i servizi per la civile abitazione e che pertanto nessuna Legge Italiana, vedi c.d. “Legge Ponte” e “Legge Galasso”, pone vincoli alla costruzione.

    Inoltre, la Suprema Corte ha precisato che tali “vincoli” decadono trascorsi anni cinque dalla data della redazione dell’ultimo Piano Regolatore Generale regolarmente approvato.

    Tenuto conto che l’ultimo Piano Regolatore Generale approvato dal Comune di Bari risale al 1973, lo stesso Ente comunque sarebbe stato chiamato a pronunciarsi circa la redazione di Nuovo Piano Regolatore o comunque alla ritipizzazione di Aree con Piani Particolareggiati o i c.d. P.U.T.T.

    Dopo circa quattro anni dalla data di presentazione del ricorso presentato, il T.A.R. di Puglia con sentenza n. 916 del 2001, ha accolto le richieste invitando il Comune di Bari alla ritipizzazione dell’area e condannando lo stesso al pagamento di £. 1.500.000 di spese legali.

    Nonostante la sentenza, il Comune di Bari non dava corso all’invito del Tribunale Amministrativo.

    Allora fu presentata istanza al medesimo Tribunale affinché venisse nominato il commissario ad acta per la risoluzione del problema che venne rigettata, con sentenza n. 3998 del 2002.

    Quindi si è inteso procedere nuovamente contro il Comune di Bari affinché ottemperasse alla I^ sentenza pronunciata dal T.A.R. che, con sentenza n. 161 del 2004, accolse il ricorso invitando l’Ente entro trenta giorni ad ottemperare a quanto disposto e nominando il commissario ad acta, l’Ing. Nicola Giordano quale coordinatore del settore urbanistico regionale, per un compenso, previsto per lo stesso, di € 2.500,00 (duemilacinquecento/00) a carico dell’Ente e la condanna al sostenimento delle spese legali pari ad € 3.000,00 (tremila/00) assegnandogli un termine di giorni 180 (centottanta) per lo svolgimento dell’attività sostitutiva dell’Ente.

    Trascorsi inutilmente i giorni previsti in sentenza, il commissario ad acta nulla ottemperava all’incarico affidatogli, allorché un articolo sulla “Gazzetta del Mezzogiorno”, scritto dal sig. Pepe che dava risalto al problema in prima pagina, e l’ennesimo ricorso presentato per la nomina di un altro commissario ad acta, che mi veniva respinto con sentenza n. 3507 del 2005, invitando immediatamente il commissario già nominato a provvedere immediatamente all’esecuzione dell’incarico affidatogli, spingeva finalmente lo stesso incaricato a comunicare per tramite del legale, dopo circa 14 mesi, la c.d. ritipizzazione dell’area in questione con il riconoscimento dell’area come C4 ossia “zone residenziale di espansione” con un indice di fabbricabilità di 0,1 metri cubi per metro quadro cedendo gratuitamente per standard il 70% dell’area al Comune di Bari per verde pubblico.

    In poche parole su di un terreno di circa 3.300 metri quadrati si potevano edificare circa 330 metri cubi su di un’area di circa 100 metri quadrati, nonostante il Comune abbia previsto in passato per la stessa area la zona C3 come previsto dal P.R.G. ossia zona di espansione con un indice di fabbricabilità di 0,5 metri cubi per metro quadro.

    Si coglie l’occasione per segnalare che nell’intero circondario è stato tutto edificato come previsto dal P.R.G. del Comune ossia zona C3 e che tale indice riconosciuto risulta palesemente infondato in quanto si tratta di un’area urbana, mentre la zona c.d. C4 è adatta per zone agricole precisamente per edificazioni necessarie per il deposito di materiale agricolo.

    Contro questa sconsiderata ed ingiustificata ritipizzazione mi vedevo costretto ad impugnare quanto previsto dal commissario ad acta nominato al T.A.R. di Bari affinché venisse annullato il provvedimento che è stato accolto con sentenza n. 4001 del 2006.

    Il Comune di Bari avverso tale sentenza, che annullava il provvedimento del commissario ad acta, proponeva ricorso al Consiglio di Stato.

    A tutt’oggi non mi trovo nelle condizioni, economiche e non solo, per potermi costituire di fronte al Consiglio di Stato poiché in tutto il tempo trascorso sin qui ed a seguito delle numerose vicissitudini scaturite a seguito delle vicende sin qui narrate, ho dovuto chiudere la attività edilizia, percependo una pensione di circa € 400,00 (quattrocento/00) mensili.

    Tutto premesso per segnalarVi che la “Odissea” non si è ancora conclusa dopo sette sentenze, sostanzialmente a mio favore, e circa dieci anni di tempo né tantomeno si intravede il traguardo finale con notevole aggravio di spese a carico.

    Ad ulteriore conferma di quanto dichiarato e denunciato ci si chiede come mai siano state rilasciate concessioni per edificare nella stessa fascia con distanze dal mare di circa 10 Mt. e che sono attualmente in costruzione con cubature di circa 80% del terreno.

    Vogliate prendere in considerazione il caso così come quello di altri cittadini indifesi ed impotenti di fronte agli abusi ed ai soprusi di alcuni pubblici amministratori.

    Cav. Geom. Dachille Giuseppe.

  2. daniele Says:

    COMUNICATO STAMPA

    Con la cortese richiesta di diffusione

    I sapori e le tipicità eccellenti sono di casa a Carapelle situato a 15Kilometri da Foggia seguendo la strada statale 16 in direzione Bari.

    Dal 6 al 9 dicembre 2007, arriva la 2^ edizione della “Fiera del Gusto e dell’Artigianato dei Cinque Reali Siti”, un evento promosso da:

    Amministrazione del Comune di Carapelle prov. di Foggia, presieduta dal Sindaco prof. Alfonso Maria PALOMBA.
    Assessorato all’Agricoltura della Regione Puglia
    Assessorato alla Formazione Professionale ed alle Politiche attive del Lavoro della Provincia di Foggia
    Organizzata dalla Solution Communication di Foggia http://www.solutiongroups.it

    La seconda borsa dell’enogastronomia e dell’artigianato in CAPITANATA prevede oltre ad un ricco calendario convegnistico nei giorni 6-7/12/07 dalle ore 10,00 anche percorsi del gusto con momenti di degustazione delle tipicità del territorio da parte di aziende medie e piccole, produttrici di prodotti tipici di nicchia in particolar modo si vedranno: Caseifici produrre la mozzarella, AGRITURISMI e RISTORANTI sfidarsi nella preparazione di ricette antiche che rappresentano la ns BELLA ITALIA.

    *LA SECONDA EDIZIONE VEDRÀ IL RADDOPPIO DELL’AREA ESPOSITIVA IN RISPETTO ALLO SCORSO ANNO E + SPAZIO all’ARTIGIANATO

    L’INAUGURAZIONE ISTITUZIONALE SARA’ EFFETTUATA IL 06/12/07 ALLE ORE 10,30 ed interverranno a tale evento:

    F Il Presidente della Regione Puglia Nichi VENDOLA,

    F L’Assessore Regionale Enzo RUSSO,

    F Il Presidente dell’Amministrazione Provinciale Carmine STALLONE,

    F l’Assessore Provinciale Giuseppe CALAMITA,

    F il Sindaco di Carapelle Alfonso Maria PALOMBA ed i sindaci dei “CINQUE REALI SITI ”

    Sono stati invitati:

    F Il Senatore Carmelo MORRA in rappresentanza della comunità Montana dei Monti Dauni Meridionali

    F Il Presidente della Comunità Montana del Gargano Nicola PINTO

    F Il Presidente della Comunità Montana dei Monti Dauni Settentrionali Ernesto Cicchetti

    F Il Presidente dell’Ente Fiera di Foggia Gianni MONGIELLI

    F L’ingresso è GRATUITO.

    La “Fiera del Gusto dei Cinque Reali Siti” sarà aperta dal 6 al 9 dicembre dalle ore 10.00 alle 21.30 AD ORARIO CONTINUATO.

    Per info: tel. + 39 0881 663821 cell. + 39 335 6549808

    Ufficio Stampa

    “Solution Communication”

  3. daniele Says:

    Oggetto: III° Fiera del Gusto dei 5 Reali Siti
    (Borsa Enogastronomica e dell’Artigianato – Carapelle dal 04 al 08-12-08)

    Visto il successo degli anni scorsi, Vi proponiamo una Terza edizione, rinnovata ed ampliata; nuove idee caratterizzeranno ulteriormente la manifestazione.

    La Terza edizione, vedrà realizzare quattro aree tematiche così distinte:
     SALONE DEL GUSTO
    o Espongono: produttori dei prodotti enogastronomici tipici di nicchia.
     IL MONDO DELLA RISTORAZIONE TIPICA
    o Espongono: ristoratori, agriturismi, villaggi turistici, alberghi, sale da ricevimento ecc.
     LA FORMAZIONE ED I MESTIERI
    o Espongono: Enti di formazione ed Istituti Scolastici
     NATALE E LE NOVITA’ REGALO
    o Espongono: Artigiani ed Operatori nel modo dell’estetica, della sposa, della casa, dei più piccoli e degli addobbi Natalizi e floreali.

     Oari della Manifestazione:
    • Giovedì e Venerdì dalle ore 10,00 alle ore 22,00
    • Sabato, Domenica e Lunedì, dalle ore 09,00 alle ore 23,30

    PROGRAMMA Eventi ed attività varie

     Giorno 4/Dicembre alle ore 17:00 INAUGURAZIONE alla presenza di Autorità Istituzionali e Religiose
     Giorno 4/Dicembre alle ore 17:30 Work Shop dell’Assessorato all’Agricoltura della Provincia di Foggia, su: SVILUPPO RURALE –Sviluppo della Capitanata
     Giorno 5/Dicembre alle ore 10:00 convegno su: la Formazione, Quali gli Orientamenti (il titolo è provvisorio ed il programma è in fase di ultimazione)
     Giorno 5/Dicembre alle ore 18:00 – Attività convegnistica e culturale, da effettuarsi, attraverso il coinvolgimento di attori in costumi medioevali, ideata ed organizzata dall’associazione culturale “Maria Valtorta” di Orta Nova (dott.ssa Margherita Pasquariello)
     Giorno 6/Dicembre alle ore 11:00 il maestro artigiano Domenico Ciocia, si esibirà nella produzione di cestini in vimini
     Giorno 6/Dicembre alle ore 16:30, l’Istituto Olivetti di Orta Nova, effettuerà una cerimonia di consegna dei diplomi, attestati come premiazione di eccellenza dei propri Alunni
     Tutti i giorni Show culinari e degustazioni gratuite

    L’Ingresso alla manifestazione Fieristica è Gratuito

    La partecipazione ai Convegni è Gratuita

    Resp. Marketing
    Circiello Daniele
    ORGANIZZATA DA: Solution Service
    Ufficio Marketing: Via Imperiale 13/I – 71100 Foggia
    Tel. +39 0881 663821 – fax + 39 0881 330329 cell. 335/6549808

    http://www.solutiongroups.it – email: info@solutiongroups.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: