Destra o sinistra?

by

Secondo una ricerca realizzata da Giuseppe Veltri della London School of Economics su un campione di oltre 1300 blogger, la maggioranza dei blog nostrani di taglio politico sono di sinistra (circa due terzi) mentre solo il 27% tende a destra—anche se però questi sembrano organizzati meglio. Ma almeno la metà non sono iscritti a nessun partito. La ricerca sarà illustrata nel dettaglio il prossimo 19 febbraio a Roma (presso la Sala delle Colonne della Camera dei Deputati) in occasione del convegno “Blog e politica”, nel corso del quale verrà presentata Open Political Space, associazione specializzata in indagini politiche e sociali.

2 Risposte to “Destra o sinistra?”

  1. Blog politici pendenti a sinistra? « Cronoterapia. Il blog di Carlo Baldi Says:

    […] inverso rispetto a quello di cui sarebbe vittima il sistema televisivo. Il tema è oggetto di un articolo pubblicato su Penne […]

  2. Salvatore Proto Says:

    Si al Nuovo Centro o Polo Moderato, ma con Casini Leader !

    Il 50 % degli Italiani ha votato questo attuale governo per tanti motivi, ma uno in particolare ci accomunava: togliere Berlusconi dal comando. Questo però oggi non basta, in quanto anche gli attuali inquilini di Palazzo Chigi non sono in grado di dare ai cittadini le soluzioni adeguate per eliminare almeno parte di problemi che quotidianamente ci attanagliano. Perché? Oggi, purtroppo, assistiamo a contrasti continui all’interno della coalizione e la gente è stanca ed ha ragione quando protesta. I litigi interni creano confusione e sbandamento, e soprattutto una perdita di credibilità elevata tra gli stessi elettori di sinistra.
    Per giunta assistiamo tutti i giorni tramite le tv pubbliche e private, ai tentativi del centro destra, di dare una spallata al governo, facendo credere alla gente che sia meglio andare a votare, noi sappiamo bene che nessuno, attualmente, vuole andare alle elezioni.
    A volte si cercano le risposte ai quesiti immaginando scenari tra i più complessi, ma questa volta è facile, una coalizione così, non potrà mai dare vere soluzioni per tutti. Cosa fare allora? Prima di tutto cambiare la legge elettorale ritornando al tradizionale proporzionale con uno sbarramento intorno al 5%, senza guardare ai paesi vicini, (noi Italiani siamo culturalmente diversi dai popoli europei) poi avvicinarci ad un leader che a nostro avviso, attualmente, si chiama Pierferdinando Casini, facendo in modo che attorno a Lui ruotino tutte quelle forze moderate socialiste laiche liberali repubblicane democristiane al fine di iniziare concretamente l’avvio delle riforme che da tanto aspettiamo. Oggi il paese ha bisogno di unità, collaborazione, riforme.
    La gente è stanca delle contrapposizioni personali ed è affaticata da questo leaderismo fine a se stesso.
    Crediamo sia giunto il momento che i veri riformisti si uniscano in un’area moderata per dare al popolo Italiano le necessarie iniziative che da troppo tempo attende.

    Questo è il nostro messaggio: andare oltre.

    Salvatore Proto
    Il Presidente – Alleanza Socialdemocratica ROMA
    http://www.alleanzasocialdemocratica.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: