Fare i giornali con più qualità

by

Un guru del giornalismo americano, Michael Kinsley, nel settembre scorso ha pubblicato su Time un saggio importante, intitolato «I quotidiani hanno un futuro?». Nulla di nuovo rispetto al dibattito in corso in tutto il mondo, se non fosse per una provocazione rivolta al quotidiano che egli stesso diresse, il Los Angeles Times, citato come esempio tipico di «needless excellence», inutile eccellenza. Inutile per i suoi 940 giornalisti, molti dei quali in giro per il mondo, a produrre informazione di qualità che il pubblico non cerca più di tanto e che costa troppo. Questo senza dubbio è un punto di vista che trova il consenso di molti editori, per esempio di quelli italiani, che di fronte alla caduta delle copie vendute si sono convinti che per quel giornalismo di qualità non ci sia più spazio e che nel web vedono l’occasione di fare un’informazione più leggera, vivace di intrattenimento, a costi ridotti. All’articolo di Kinsley, ha replicato un altro giornalista, Tom Stites. La sua tesi è esattamente l’opposta: «Cercasi: più eccellenza nel giornalismo». Il saggio è ora disponibile anche in italiano grazie a un ottimo sito all’interno del sindacato dei giornalisti, Lsdi, Libertà di Stampa e di Informazione. La tesi principale di Stites è che di alta qualità ci sia bisogno  per continuare a svolgere il ruolo democratico della stampa. L’autore indica anche tre aree almeno dove c’è bisogno di più impegno: l’economia globale, la corruzione e la povertà. Tra le testate di valore Stites cita opportunamente il Christian Science Monitor, la cui fondatrice, Mary Baker Eddy, decise di «mettere al primo posto i principi rispetto ai dividendi”. Un giornale «corretto, franco e onesto con i lettori su qualsiasi argomento e di fronte a pressioni di ogni tipo – una voce veramente indipendente non controllata da monopolisti commerciali o politici». (Vision Blog)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: