Condividere conoscenze, condividere emozioni: gli emotyblog

by

cartolineblogosferaLa vera conoscenza si attua nella condivisione. E condividere vuol dire anche e soprattutto saper entrare in relazione empatica con l’altro, emozionarsi per emozionare. Il blog in tal senso è un potente strumento di condivisione delle informazioni e di messa in comune del proprio vissuto emotivo. La fusione delle due prospettive – dell’anima “informativa” e di quella “emotiva” del weblog – ha dato origine ad interessanti esperimenti come quello dell’emotyblog, definizione coniata da Alberto Facchini e che sta per «emotions community blog».

L’accezione appare particolarmente efficace e può estendersi alla categoria di quei blog corali che si pongono a metà strada tra il sito puramente informativo e la pagina web diaristica, mirando a diventare una piazza virtuale di aggregazione ed una palestra libera di opinioni, come Voltaire (esperienza purtroppo ferma al 22 giugno scorso) o realtà di incidenza più territoriale come Napoli Bloggers, che funge anche da blog aggregator.

Il termine Emotyblog è stato ideato il 1° Marzo 2006 da Alberto Facchini in contemporanea con la nascita del primo emotyblog, ossia Erbadelvicino ed indica il format che accomuna gli emotions community blog, al di là degli argomenti trattati: «Spesso abbiamo un’idea distorta delle emozioni» afferma Facchini, «attraverso il format Emotyblog impariamo a metterle in comune, a comunicarle consapevoli che una emozione non comunicata è una perla smarrita per sempre. Emoty è dunque ciò che va fatto circolare per la ricchezza collettiva ed individuale, ciò che va scambiato con gli altri per guardare la stessa cosa da differenti angolazioni.
Caratteristica fondamentale degli Emotyblog è il poter pubblicare liberamente e anonimamente contenuti e commenti senza alcuna richiesta di registrazione». Qualche mese fa Penne Digitali si è già interessata di emotyblog, in occasione dell’apertura di Parole di sport, il primo sito di citizen sport journalism nato da un’idea di Roberto Zarriello e dello stesso Facchini. L’ultimo nato, nella famiglia degli emotyblog, è VorreiDire.com.

Rubrica a cura di Carlo Baldi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: