Per un uso intelligente dei motori di ricerca

by

RicercaAbbiamo già sottolineato, in un post pubblicato qualche settimana fa, quanto sia importante per i cybergiornalisti a caccia di informazioni la conoscenza di nozioni seppur minime di ricerca bibliografica. Si tratta di una competenza basilare per l’instradamento e lo sviluppo di un itinerario di ricerca sul web: è spesso infatti la mancanza di tali nozioni e la conseguente incapacità di affrontare un percorso strutturato di indagine a produrre il disorientamento dinanzi alla mole smisurata di informazioni che offrono i motori di ricerca alle nostre richieste (overload information). Adottare la migliore strategia di ricerca è essenziale poiché nel catalogo cartaceo come nel motore di ricerca online, le risposte ottenute dipendono dal modo in cui si formula la domanda.

Risulta per questo determinante la scelta nel formulare la nostra richiesta al motore, nell’attesa che arrivi il Web Semantico a migliorare l’intesa tra l’utente umano e l’interfaccia del computer: il Semantic Web infatti dovrebbe consentire al motore di valutare anche la pertinenza di una certa pagina alle richieste dell’utente non soltanto in base alla presenza o meno della parola ricercata, ma anche del tono con cui quella stessa parola è usata in un dato contesto. Giuseppe Granieri, nel suo Blog Generation, porta un esempio calzante: «Poiché i principali motori non considerano le lettere maiuscole e minuscole, se inseriamo la stringa “Vento” potremmo trovarci di fronte a trattati di climatologia, racconti gotici e biografie di una starlet in voga in questi mesi». Nonostante l’eventualità come si è visto neanche tanto remota di andare incontro a link inutili nel nostro percorso di ricerca, una mano ai motori per evitare che ci propinino contenuti incongrui possiamo darla, avendo l’accortezza di seguire alcune semplici indicazioni nella formulazione delle nostre richieste, per limitare al minimo le ambiguità e l’arbitrarietà delle interrogazioni. Riportiamo qui di seguito alcuni efficaci suggerimenti presenti nel saggio Arianna On Line di Rosalba Longo Cioffi, esperta di ricerca bibliografica e coordinatore presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”.

«Se si ricerca il nome ed il cognome o una frase si racchiude l’espressione tra apici. I termini inseriti tra apici, permettono di cercare anche articoli, congiunzioni, oppure voci come internet, web, www,, che molti motori di ricerca ignorano e l’ordine con il quale vengono inserite le parole per la ricerca, è significativo un po’ per tutti i motori di ricerca». In molti motori di ricerca, come ad esempio Altavista, si può tra l’altro «rendere più specifica l’interrogazione con una modalità più complessa che fa uso di ulteriori filtri forniti dal motore stesso. […] Si può inoltre adoperare l’asterisco con una radice del nome, o interposto tra l’inizio e la fine per ottenere in un’unica interrogazione tutte le risposte alle varianti o ai derivati del termine ricercato». Non va poi affatto trascurato un altro aspetto: molti dei motori di ricerca più noti e utilizzati offrono i dati distinti in indici classificati, a volte arbitrari; è utile non soffermarsi soltanto alle prime pagine di elenchi ma ad approfondirle quando si ha tempo, perché spesso è proprio nelle pagine successive alle prime che è possibile scovare i link più interessanti.

E’ bene infine ricordare che non esiste il motore di ricerca perfetto: neanche Google, per quanto utilizzatissimo, lo è. Effettuiamo ricerche incorciate ogni volta che possiamo, avvalendoci di più motori di ricerca e soprattutto tenendo presente che per contenuti di settore, esistono spesso sul web motori di ricerca tematici, che recensiscono esclusivamente i siti appartenenti ad un dato settore. Conoscerli e utilizzarli può risparmiarci tempo e fatica.

carlo.baldi@pennedigitali.it

Advertisements

3 Risposte to “Per un uso intelligente dei motori di ricerca”

  1. Luca Conti Says:

    Su Motoricerca.net si trovano proprio tutti quei motori di cui si parla sopra, con qualche consiglio utile per trovare più facilmente ciò che cerchiamo

  2. Carlo Baldi Says:

    Grazie Luca, i tuoi commenti, come i post che scrivi sul tuo blog, sono sempre utilissimi e preziosi. Motoricerca.net è un quasi un motore di ricerca “al quadrato”, per accedere a più motori attraverso un unico sito ed operare quelle ricerche incrociate di cui sopra. E ricchissimo di spunti di riflessione per un uso consapevole e proficuo dei motori.
    Buona domenica e buona settimana 😉

  3. Carlo Baldi Says:

    Grazie Luca, i tuoi commenti, come i post che scrivi sul tuo blog, sono sempre utilissimi e preziosi. Motoricerca.net è un quasi un motore di ricerca “al quadrato”, per accedere a più motori attraverso un unico sito ed operare quelle ricerche incrociate di cui sopra. E ricchissimo di spunti di riflessione per un uso consapevole e proficuo dei motori.
    Buona domenica e buona settimana 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: