Nasce La3, la televisione della compagnia telefonica 3

by

3Acquisizione dell’emittente e ottenimento del nulla osta erano gli step obbligatori, per consentire a TRE di dare il via alla propria TV mobile. Che è stata presentata ufficialmente ieri a Milano, nella cornice della sede Profit di via Mambretti in cui si trovano quegli studi televisivi della Bravo Productions che, negli anni ’80, hanno ospitato "storiche" trasmissioni come "Drive In" e "Ok, il prezzo è giusto". La nuova emittente si chiama La3, un nome che ricorda il canale televisivo del gruppo Telecom Italia La7. È la nuova tv per videofonini in tecnologia DVB-H che TRE ha svelato ieri alla presenza del Presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni. Le prime offerte commerciali in evidenza, come nella migliore tradizione di ogni nuova "piattaforma" televisiva, puntano a calamitare l’attenzione dei potenziali utenti con il calcio. Così La3 annuncia la diffusione in esclusiva e in diretta dei Mondiali di calcio Fifa 2006, che avranno luogo in Germania dal 9 giugno al 9 luglio.

Secondo quanto comunicato da TRE, oltre alle 64 partite previste dai Mondiali, tra gli altri contenuti "premium" offerti non mancheranno le partite del campionato di calcio di serie A, le stesse attualmente in portafoglio a Mediaset per il triennio dal 2006 al 2009, più un’opzione per la stagione 2009-2010, oltre al MotoGP. L’obiettivo di La3 è quindi di aprire la propria stagione televisiva dal mese di giugno, con un bouquet di 15 canali: quattro saranno forniti da Sky (Sky Cinema, Sky Sport, Sky Vivo e Sky TG24), un canale verrà da Mediaset che proporrà trasmissioni scelte dalle tre reti principali (Canale 5, Rete 4 e Italia 1) e dal canale Boing. Seguiranno i tre canali della RAI (attualmente in fase di negoziazione, specifica TRE) e un canale musicale, non ancora presentato.

In questo "bouquet" troverà posto anche il canale La3 Live, con funzione di presentazione dell’intero palinsesto di La3 e di introduzione a Media Shopping, un canale di televendite con cui l’operatore intende saggiare le potenzialità del commercio interattivo via videofonino. Chiudono la quindicina tre canali "autoprodotti" (La3 Star, La3 Sport e La3 Show) e un ulteriore canale ancora in via di definizione.

Entro la fine dell’anno i canali offerti dovrebbero arrivare a 20: ulteriori cinque canali "potranno essere utilizzati anche per dare vita a canali di servizio, a beneficio dei cittadini, della pubblica amministrazione e delle minoranze linguistiche", riferisce l’operatore.

La copertura del servizio, stando a quanto riferito alla stampa, interesserà il 70% degli utenti TRE. L’investimento per l’acquisizione di Canale 7 (titolare delle frequenze per la trasmissione) ammonta a oltre 200 milioni di euro e 50 milioni annui saranno le spese da sostenere per la gestione, compresi i contenuti e 5-10 milioni per il lancio pubblicitario del servizio. Secondo TRE, il mercato potenziale degli utenti di TV mobile "è di 50 milioni. Siamo sicuri che sarà un mercato di massa". I costi per l’utenza finale non sono stati specificati, ma un ordine di grandezza c’è: "Si parla di meno di un euro al giorno", riferisce Vincenzo Novari, amministratore delegato di TRE, aggiungendo un commento sull’aspettativa di mercato per l’acquisizione di nuovi clienti: "Se entro fine anno arriveremo a 500.000 potremo dire che è stato un grande successo".

Di buon auspicio, e caratterizzate da un certo orgoglio, le dichiarazioni di prammatica: "Un altro primato si aggiunge a quelli che il nostro Paese ha fatto registrare ultimamente nel settore dell’ICT – ha affermato il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni – L’Italia non è seconda a nessuno, in Europa, per tassi di sviluppo della banda larga, è leader nell’UMTS e occupa una posizione di avanguardia nella nuova TV in mobilità. Il DVB-H aumenterà sicuramente il tasso di pluralismo del sistema dei media in Italia, offrendo uno spazio nuovo e di grande potenzialità anche alla Pubblica Amministrazione nel suo dialogo continuo con i cittadini".

Illustrata la TV, non poteva mancare anche un display per vederla. Con l’occasione, infatti, TRE ha presentato anche il modello U900 di LG, cui è stato attribuito l’altisonante titolo di "primo tivufonino" destinato ai clienti dell’operatore. L’apparecchio è dotato di display TFT panoramico da 2,2 pollici a 262mila colori e di una videocamera da 1,3 Megapixel. Ma, stando alle dichiarazioni di TRE, dovrebbe essere in arrivo anche il modello Stealht di Samsung.

Il successo della tv mobile, per TRE, rappresenta un traguardo indispensabile, visto l’obiettivo (già oggetto di rinvio) della quotazione dell’operatore a Piazza Affari. (Punto Informatico)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: