Ilaria Alpi è stata uccisa per un sequestro finito male

by

Ilarialpi La giornalista del Tg3 Ilaria Alpi e l’operatore televisivo Miran Hrovatin, furono uccisi il 20 marzo 1994 a Mogadiscio per un tentativo di sequestro finito male. E’ quanto ha stabilito la commissione di inchiesta sul caso presieduta da Carlo Taormina che oggi ha approvato a maggioranza (12 a 7) la relazione finale. La commissione ha annunciato che trasmetterà gli atti raccolti alla Procura generale di Perugia per la revisione della condanna passata in giudicato di Hashi Omar Hassan, l’unica persona arrestata fino ad oggi per questa vicenda. In conferenza stampa il presidente della Commissione Carlo Taormina ha parlato di una "centrale giornalistica di depistaggio" che avrebbe operato negli ultimi dodici anni con finalità, appunto, di depistaggio sul duplice omicidio.

Alla domanda di chi avrebbe fatto parte di questa organizzazione, Taormina ha risposto: "Chiedete alla famiglia Alpi". Il movente sarebbe da individuare anche in una certa parte politica. Taormina ha ricordato che all’epoca della morte di Alpi e Hrovatin in Italia c’era una impegnativa campagna elettorale e il Paese era in un momento difficile. La Commissione ha reso noto che in questi due anni di attività ha denunciato, a vario titolo, all’autorità giudiziaria un alto ma imprecisato numero di persone. Tra queste magistrati (anche romani), uomini delle forze dell’ordine come alcuni agenti della Digos di Udine e giornalisti. Taormina non ha voluto dire i nomi specificamente, limitandosi soltanto ad alcuni di essi: i giornalisti Maurizio Torrealta e Fabrizio Bocca, l’avvocato della famiglia Alpi Antonio D’Amati, Giorgio e Luciana Alpi, Sebri. Taormina ha parlato di "una vera e propria ecatombe". Il presidente, tuttavia, ha anche rivolto un appello alla famiglia Alpi: "Piangiamo insieme questi giornalisti", sono "eroi del giornalismo italiano, ci inchiniamo, sono stati uccisi sul campo". Analogamente ha rivolto un altro appello al settimanale ‘Famiglia Cristiana’, da sempre impegnato in inchieste sul caso Alpi, perché, "ora che è in possesso della relazione, si rimetta a lavorare su questo tema", riferendosi anche alle perizie che hanno dimostrato che Alpi e Hrovatin sono stati uccisi da armi a canna lunga e da una distanza non inferiore ai cinque metri. (AGE)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: